Orchidee: ti piacciono ma non hai il pollice verde? Prova con questa, è magica!

Orchidee: gli esemplari più semplici da coltivare in casa

Le orchidee sono senza dubbio fiori meravigliosi, ma anche molto delicati e non facilissimi da curare e mantenere in casa.

Pubblicità

Se amate le orchidee, ma siete delle principianti del giardinaggio, fareste bene a preferire quelle varietà che sono più facili da accudire e che abbisognano solo di pochi e piccoli accorgimenti per regalarvi fioriture spettacolari e persistenti.

Orchidee: ti piacciono ma non hai il pollice verde? Prova con questa, è magica!

Un esemplare abbastanza semplice da coltivare in casa è senza dubbio l’orchidea ragno. Come dice il nome, la sua caratteristica è che la forma del suo fiore ricorda le zampe del ragno.

Questa varietà di orchidea gradisce la luce diretta del sole e si fa notare, anche, per il fatto di spandere tutt’intorno un gradevole sentore speziato. In una stagione può dare due o tre foglie verdi e stratiformi.

Un’altra orchidea che può essere indicata per la coltivazione casalinga anche da parte dei giardinieri meno esperti è quella chiamata “Pantofola di Venere”, anche stavolta per via della sua forma. Questa varietà non vuole la luce diretta del sole e le sue foglie hanno la caratteristica di essere verdi, lunghe e maculate.

Pubblicità

Una terza varietà di orchidea che è possibile far crescere abbastanza agevolmente tra le quattro mura di casa è quella chiamata ballerina. Questa varietà preferisce la luce indiretta e non gradisce temperature troppo elevate.

In ogni caso e quale che sia sia l’orchidea che scegliete di coltivare, come  e più di ogni altro fiore, l’orchidea esige amore e dedizione.

Vuole essere annaffiata nel modo giusto, senza eccessi e senza esagerare con i periodi di secca. Insomma, come i bambini, ha bisogno di attenzione, amore e dedizione.

Buon lavoro!